Saltar al contenido

Le misure della moto

Le misure della moto

Sono sicuro che sapete quanto siete alti, quanto pesate e qual è il vostro numero di scarpe. E la vostra bicicletta? Sapete qualcos’altro oltre al vostro numero? Quanto è alta la vostra sella? Quanto sono alte le vostre manovelle? Sella indietro? Manubrio all’altezza del manubrio? Questi e altri ancora definiscono la vostra posizione sulla bicicletta e quindi il vostro livello di efficienza e di comfort quando passate qualche ora a pedalare su quella magra. Yago Alcalde. Laureato in Scienze Motorie e dello Sport. Master in Sport ad alte prestazioni. Allenatore nazionale di ciclismo – Ciclismo e prestazioni E’ molto comune trovare ciclisti che cambiano la loro bici e invece di andare meglio di prima (dovrebbero essere su una bici migliore) vanno molto peggio. Non sanno molto bene perché e il fatto è che non finiscono di adattarsi. La cosa brutta è che non se lo aspettano, perché dopo i soldi investiti, danno per scontato che la nuova bici andrà al cinema… E iniziano i mal di testa: “Ho preso la misura sbagliata? Ho preso la geometria sbagliata? Devo fare più chilometri per abituarmi…”. Normalmente, l’unica cosa che succede è che non si è speso abbastanza tempo per misurare la vecchia bicicletta, che doveva essere comoda ed efficiente. Con queste misure, possiamo confrontare e vedere come la nuova posizione differisce dalla vecchia. Non dobbiamo dimenticare che, indipendentemente dalla geometria della bicicletta, la nostra posizione su di essa si basa sulle distanze tra i 3 punti di contatto che abbiamo sulla bicicletta: i pedali, la sella e il manubrio. L’obiettivo è chiaro: inchiodare queste distanze. Non basta prendere la nuova bicicletta, mettere un po’ ad occhio l’altezza della sella e correre… Lo stesso vale per cambiare l’attacco manubrio, togliere o mettere più distanziali o cambiare il reggisella, in altre parole, per essere chiari sulle nostre misure. Nel prossimo articolo vedremo come misurare la nostra moto per assicurarci di avere sempre una buona posizione quando cambiamo moto o qualsiasi componente di essa.

È molto più facile di quanto sembri! La posizione della sella La posizione della sella ha tre possibili impostazioni: altezza, indietro e avanti, e viene misurata in relazione al movimento centrale. La posizione della sella determina dove collochiamo il motore della nostra moto (le gambe) rispetto al movimento centrale. Se questo posizionamento, sia in altezza che in retromarcia, non è adeguato, il motore sicuramente non funzionerà al 100%. L’altezza della sella: L’altezza della sella determina sostanzialmente il livello di flessione e di estensione delle 3 articolazioni coinvolte nella pedalata: l’anca, il ginocchio e la caviglia. Quando si misura l’altezza della sella, si deve tener conto di tre componenti della bicicletta: la sella che usiamo, la lunghezza delle pedivelle e i pedali che usiamo, poiché una modifica di uno di questi tre componenti può alterare la dinamica di pedalata. Per quanto riguarda la sella, si deve tener conto del livello di imbottitura, in quanto più è morbida e più bassa sarà più bassa quando si pedala. La lunghezza o la forma della sella può anche alterare il nostro punto di contatto nella sella, modificando la dinamica di pedalata. In generale, le selle più larghe ci fanno sedere più avanti e viceversa se sono più strette. La lunghezza delle pedivelle modifica anche l’altezza della sella, quindi se si modifica la lunghezza delle pedivelle si dovrà modificare anche l’altezza nella stessa misura; alzarla se la si accorcia e abbassarla se la si allunga. Infine, bisogna tenere presente che non tutti i pedali a clip posizionano il piede alla stessa altezza rispetto al pedale. Ad esempio, con lo Speedplay la sella deve essere 5 mm più bassa rispetto a quella dei pedali Look. Per misurare l’altezza della sella dobbiamo seguire i passi successivi: Misurare la lunghezza totale della sella e segnare il centro della sella. Posizionare il misuratore allo stesso livello del punto segnato al centro della sella. Misurare la distanza tra il punto segnato sulla sella e il centro del movimento centrale. Sella troppo bassa: la conseguenza principale del portare la sella troppo bassa è che non si utilizza tutta la forza che le gambe sono in grado di produrre. Questo genera una sensazione di affaticamento del quadricipite e spesso un dolore nella parte anteriore del ginocchio. Sella troppo alta: la pedalata perde fluidità. Il disagio si avverte spesso nella parte posteriore del ginocchio e nella parte inferiore della schiena.

Sella all’indietro. Il movimento all’indietro della sella determina la sua posizione in termini di regolazione in avanti e all’indietro, sempre in relazione al movimento centrale. Il riferimento per la misurazione è la distanza orizzontale tra la punta della sella e il movimento centrale. Questa è la misura più complessa da effettuare. Anche se ci sono diversi metodi per effettuare questa misurazione, il metodo a piombo è il più usato. È necessario seguire i seguenti passi: Posizionare il plumb bob sulla punta della sella. Misurare la distanza tra il piombo e l’albero del movimento centrale. È molto importante che l’impianto idraulico non sia a contatto con nessuna parte della bicicletta, in modo che la caduta naturale della bicicletta non venga alterata. Per fare questo, l’ideale è che qualcuno ci aiuti e inclini la moto leggermente verso il lato dove stiamo misurando. Un altro metodo che non richiede l’impianto idraulico è quello di posizionare la bicicletta su un rullo appoggiando la ruota posteriore contro il muro, cioè perpendicolarmente ad esso. Si misura dalla parete fino alla punta della sella. E dalla parete all’asse del movimento centrale.

La differenza tra le due misurazioni sarà il rinculo della sella. È molto importante che queste due misurazioni siano effettuate con un solo livello per essere accurate. Sella troppo in avanti: appesantisce troppo le mani e può quindi causare intorpidimento alle mani e dolori alle spalle e al collo. Impedisce di adottare una buona posizione aerodinamica. Sella troppo indietro: si perde fluidità nella pedalata e non si fa un buon uso della forza. Tende a generare dolore nella zona lombare. Inclinazione della sella Il modo ideale per misurare l’inclinazione della sella sarebbe con una livella digitale, anche se si può usare anche una semplice livella a bolla. Come regola generale, le selle devono essere posizionate piatte o leggermente (circa un grado) in avanti, cioè con la punta leggermente più bassa rispetto alla schiena. Le selle con forme curve sono di solito posizionate con un po’ più di inclinazione (2-4 gradi). Se la sella è inclinata troppo in avanti, farà scivolare le mani verso il manubrio, e quindi le mani saranno più forti di quanto dovrebbero essere per evitarlo. Al contrario, se la punta della sella è troppo alta, è normale che compaiano intorpidimenti nella zona genitale. La posizione del manubrio Una volta determinata l’esatta posizione della sella, si dovrebbe misurare la posizione del manubrio, cioè la posizione del manubrio dipende dalla posizione della sella. Non è corretto regolare la posizione della sella in base alla posizione del manubrio. Un errore molto frequente è quello di spostare la sella troppo in avanti perché la posizione del manubrio è troppo lontana dalla sella. Questa regolazione provoca un trasferimento del peso corporeo alle mani che può causare disagio alle mani o alle spalle perché devono sopportare un peso eccessivo. Portata del manubrio Questa misura definisce principalmente fino a che punto possiamo allungare le braccia sulla moto. Più grande è il raggio d’azione, più dobbiamo allungare le braccia per raggiungerlo. Procedura: Dobbiamo misurare la distanza tra la punta della sella e il centro del manubrio. Si deve tener conto del fatto che viene misurato in diagonale, vale a dire che anche l’altezza del manubrio ha un’influenza. Idealmente, dovremmo misurare ad angolo retto, ma lo abbiamo escluso a causa della sua complessità. Quando il manubrio è troppo lontano dalla sella, la causa più comune è il disagio nel collo e nella parte bassa della schiena. Se è troppo vicino, anche il collo ne risentirà e l’aerodinamica sarà gravemente compromessa.

Altezza del manubrio Anche in questo caso, questa viene misurata dalla sella. Si tratta di definire la distanza verticale tra la sella e il manubrio, cioè il dislivello tra i due. Per effettuare questa misura, cercare una superficie piana e chiedere a qualcuno di tenere la moto il più dritto possibile. Faremo quanto segue: Il primo passo è quello di misurare l’altezza da terra al centro della sella (lo stesso punto di riferimento che usiamo per misurare l’altezza della sella). Successivamente, dobbiamo misurare l’altezza da terra fino alla parte superiore del manubrio. Per ottenere l’altezza della sella, dobbiamo sottrarre l’altezza della sella meno l’altezza del manubrio. In questo modo, sappiamo quanti centimetri di distanza verticale avremo tra la sella e il manubrio. Quando il manubrio è più basso di quanto dovrebbe essere, spesso compaiono disturbi cervicali e intorpidimento delle mani. Se il manubrio è troppo alto, si possono verificare problemi alla schiena e si perde molta aerodinamica. Posizione delle leve del freno Il riferimento del centro del manubrio è importante, ma la posizione delle leve è più determinante, in quanto è in realtà il punto di contatto delle mani sul manubrio. Per questo motivo dobbiamo aggiungere alla nostra tabella un paio di misure: portata e altezza della leva del freno. Questo è interessante perché non tutti i manubri sono uguali. Anche i manubri hanno le loro misure. Uno di questi è lo sbraccio, che è la misura che definisce quanto sono lunghe, cioè quanto in avanti vanno le leve dal centro del manubrio. Possiamo trovare differenze fino a 30 mm tra alcuni manubri e altri, cioè possiamo arrivare fino a 3 cm in più o in meno semplicemente cambiando il manubrio. E anche se la portata del manubrio è corretta, siamo più o meno lunghi.

Per tenerne conto, misuriamo la portata delle leve nel modo seguente: Metteremo un oggetto dritto proprio dove inizia il manubrio, come mostrato nella foto. Misurare la distanza tra la punta della sella e l’oggetto che viene posizionato nel punto in cui iniziano gli elastici. Infine, dovremmo anche misurare l’altezza dell’impugnatura. Come riferimento viene preso lo stesso punto che per la misurazione del campo di misura: l’inizio della gomma. Questo punto ha la stessa altezza del manubrio o è più basso? Anche se la maggior parte dei manubri posiziona le leve alla stessa altezza del centro del manubrio, ci sono anche manubri che le posizionano da 10 a 20 mm più in basso e quindi devono essere presi in considerazione quando si definisce la nostra posizione sulla moto. Se avete trovato interessante questo articolo, possiamo aiutarvi a ottimizzare la vostra posizione. Consultate le nostre tariffe per gli studi biomeccanici.